No pain. The world is a wonderful whisper for those who can listen, if necessary in silence. (jumbolo)

20170724

La stanza dei sogni

Dreaming Room - Laura Mvula (2016)

L'amico G.S. mi segnalò, qualche settimana fa, questa artista inglese di origini caraibiche (madre di Saint Kitts, padre giamaicano). Ascolto interessante, come spesso mi capita di dire, per chi non si limita a cercare nel proprio orticello, limitandosi a generi ben definiti. Il secondo disco, a distanza di 3 anni dal debutto Sing to the Moon, di Laura Mvula, non si può neppure circoscrivere nell'ambito del soul o dell'R'n'B, dato che l'orizzonte che si dà è di più ampio respiro. Laureata al conservatorio di Birmingham (città inglese nei sobborghi della quale è nata e cresciuta), ex supplente di musica ed ex receptionist, Mvula è dotata di una voce impressionante, ma anche di una capacità compositiva sbalorditiva; nelle sue canzoni, come detto, abbraccia una serie impressionante di generi, che vanno dai due citati poc'anzi al gospel alla classica, dal funky alla musica da camera. Un susseguirsi di suggestioni spiazzanti, ma decisamente coraggiose e sicuramente interessanti.
Overcome è stata composta e vede la partecipazione di Nile Rodgers (ma non è una di quelle canzoni che ricorda gli Chic), e il disco vede anche la partecipazione di Wretch 32 e di John Scofield.
Per intenditori.



The friend G.S., weeks ago, suggested me this English female artist of Caribbean origin (mother of Saint Kitts, Jamaican father). Interestingly, as I often says, for those who are not just looking in their own garden, limiting their listening to well-defined genres. The second record, three years after her debut "Sing to the Moon", of Laura Mvula, can not even be circumscribed in the area of soul or in the R'n'B one, as the horizon that is given is more "full breath". Graduated at the Birmingham Conservatory (English city in the suburbs of which she was born and raised), a former music teacher and former receptionist, Mvula has an impressive voice, but also a stunning compositional capacity; as mentioned, embraces an impressive series of genres, ranging from the two cited earlier to gospel to classical music, from funky to chamber music. A succession of disorienting suggestions, but definitely courageous and interesting.
"Overcome" was composed and saw the featuring of Nile Rodgers (but is not one of those songs that reminds the Chic), and the disc also sees the participation of Wretch 32 and John Scofield.
For connoisseurs.

Nessun commento: